Paura del dentista e sedazione cosciente | Soluzioni Dentali

Paura del dentista e sedazione cosciente

Paura del dentista

Protossido di azoto in Odontoiatria

Sottoporti ad un trattamento dentale scatena in te nausea, palpitazioni, conati di vomito, senso di soffocamento o iperventilazione?  Non pensare di essere il solo, difatti gran parte della popolazione avverte questa forma di fobia nei confronti del dentista.  Chi ha “paura del dentista  vive l’appuntamento con lo specialista in odontoiatria come un vero e proprio incubo. Quando si è schiavi di questa forma di fobia si tende sempre di più a procrastinare gli appuntamenti con il dentista con gravi conseguenze non solo per la propria salute dentale ma più in generale per il benessere del proprio organismo.

Per aiutarti ad affrontare questa fobia nelle nostre cliniche è disponibile  la sedazione cosciente ( anestesia cosciente ) con protossido di azoto, una soluzione semplice e indolore.

Che significa sedazione cosciente?

La sedazione cosciente  ( definita anche sedo anestesia) utilizzata sia in odontoiatria che in altri ambiti medici, è una tecnica anestesiologica che induce uno stato di rilassamento generale del paziente , facilitando amnesia e un miglior controllo del dolore con effetti trascurabili sul sistema respiratorio e cardiocircolatorio.

Come si effettua la sedazione cosciente?

La sedazione cosciente in Odontoiatria si effettua facendo respirare una miscela di protossido d’azoto e ossigeno attraverso una mascherina per tutta la durata della seduta.

Richiedi  una visita di controllo presso studi dentistici specializzati come i nostri di San Martino Buon Albergo e Villafranca di Verona.

Cosa si usa per la sedazione?

Come detto in precedenza per effettuare una sedazione cosciente in Odontoiatria si utilizza Il protossido d’azoto .Questo farmaco è un gas incolore e con un debole sapore dolciastro miscelato con il 70% di ossigeno ed il restante 30% di ossido di azoto. Nei bambini il rapporto tra ossigeno e ossido di azoto è del 50% .

Sedazione cosciente: chi può farla?

Facciamo prima ad indicare a chi non dovrebbe essere effettuata:

  • Pazienti a cui hanno ricostruito chirurgicamente il timpano
  • Donne in stato di gravidanza
  • Impossibilità reale di respirare dal naso
  • Tossicodipendenti
  • Chi ha patologie gravi quali sclerosi multipla, miastenia, broncopolmoniti acute, enfisema, ernia diaframmatica acuta
  • Pazienti psicotici

Cosa si prova con la sedazione cosciente?

Questa tecnica anestesiologica induce una sensazione di forte rilassamento con il vantaggio di lasciare il paziente sveglio e capace di controllare autonomamente ogni movimento.

Quanto tempo ci vuole per smaltire la sedazione?

L’effetto del protossido di azoto si smaltisce molto facilmente e velocemente . Si stima che nell’arco temporale di circa  5-10 minuti dopo la seduta il paziente può generalmente solito lasciare lo studio in completa autonomia.

Interessato ad uno dei nostri trattamenti?